Il solitario silenzio della fine

nessun commento

Amatrice

Più forte del sibilo acuto, sinistro e penetrante che strugge le orecchie dopo i grandi boati;

più forte delle urla di dolore che artigliano il petto in una frenesia di spasmi ansimanti; più forte del panico spaesato che latra alla ricerca di un flebile appiglio per orientarsi nell’inconsistenza del tempo che continua a scorrere incurante della tragedia; più forte della disperazione che si fa voce tragica gridata al vento, che nulla può se non diffonderla qualche chilometro più in là. C’è solo il silenzio del buio dell’anima quando tutto è perduto: la casa, gli affetti, il futuro, il passato, l’oggi, e si raggiunge quella consapevolezza arcigna che improvvisamente ti palesa che sei rimasto solo. Vivo e solo. La machina dei soccorsi ti riporta alla vita, lontano dalla polvere, lontano dalla morte. Parenti e amici accorrono, si mobilitano, ti sostengono. Un paese intero, una nazione ti si stringe accanto. Occhi e cuori sofferenti per la tua condizione ti guardano, ti tendono la mano. Pronti a tutto per darti forze, coraggio, energie, speranza e calore. Più ti guardi attorno e più non senti chi sei, perché chi eri è morto. Siamo il nostro vissuto. Il terremoto se l’è portato via. C’è chi si rialzerà, chi troverà le forze per una nuova vita che comunque non sarà più la stessa. È un nuovo punto zero per i sopravvissuti. Molti ce la faranno, troveranno un nuovo futuro, diverso da quello che fino a qualche giorno fa sembrava condurli ad un altro destino. Altri vivranno come fantasmi, corpi mobili, svuotati della propria anima mai veramente estratta dalle macerie. È un anno zero per tutti loro, per tutti voi, e nel frastuono incessante e continuo di questo sopravvivere quotidiano riecheggia il solitario silenzio della fine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.