Mese: giugno 2019

Flusso di storia

Migranti, migrazioni. Se ne continua a parlare, a più riprese, con picchi d’innato interesse e a intervalli regolari, ma la costante (deleteria in quanto inutile) è quella di farlo, per bocca e mezzo di molteplici opinioni, politiche, sentimentali, da grandi filantropi o addirittura statisti. Quello che dibattiamo è una visione politica, sia essa di destra

Continua a leggere

Lasciare il segno

Essere un giornalista, oggi, non è semplice per diversi motivi: crisi economiche, di carta, di etica, di casta, di politica, di relazioni, di luoghi e non-luoghi. Eppure ci sono moltissimi buoni giornalisti. Stanno sotto traccia, un po’ in disparte, fanno altri 5 o 10 lavori per mantenersi. Spesso, questi giornalisti, vi dicono che raccontare storie

Continua a leggere

Il lunedì

Buongiorno! Oggi è lunedì. Il mio giorno preferito della settimana. Io amo il lunedì. Il lunedì è come il croccante. È buono il lunedì. Il lunedì non è il martedì. Sembra banale, ma val la pena sottolinearlo. Il lunedì è il lunedì! Ci sono tanti lunedì, ma questo è questo lunedì. Dobbiamo ringraziare il lunedì,

Continua a leggere

Fare qualcosa

È questa soglia dei 30, che si avvicina impietosa, sghignazzando ironica sulla caducità umana che mi rende sempre più inquieto. È il bisogno di sapere che in questo mio spazio, in questo mio tempo, concesso fino all’improvviso eterno compostaggio, abbia in qualche modo lasciato un segno. Pur piccolo. Ma che mi renda sereno nel poter

Continua a leggere