Lasciare il segno

nessun commento

Essere un giornalista, oggi, non è semplice per diversi motivi: crisi economiche, di carta, di etica, di casta, di politica, di relazioni, di luoghi e non-luoghi. Eppure ci sono moltissimi buoni giornalisti. Stanno sotto traccia, un po’ in disparte, fanno altri 5 o 10 lavori per mantenersi. Spesso, questi giornalisti, vi dicono che raccontare storie o fatti e permettere a chi non sa di sapere, è ciò che più di ogni altra cosa al mondo li spinge a continuare. In parte è vero. Eppure sono convinto ci sia qualcosa di più masochista, qualcosa di più profondo e perverso un qualcosa retto da un senso di contraddittorietà. Quando scrivono, i buoni giornalisti, entrano in quella storia, anche se poi la raccontano il più oggettivamente possibile, la fanno loro, se ne immergono fin sopra la testa, diventano parte del racconto, di quei fatti, diventa un loro vissuto. Ed ecco che cominciano i tagli, le punture, i fastidi, le incazzature, le incomprensioni, le ingiustizie, le sofferenze, i dolori, ma anche le gioie, le vittorie e i successi. Ci si riempie di vita, di contraddizioni, di esistenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.