Acqua al mulino

nessun commento

L’ossessionante, persistente e ripetitiva necessità di portare l’acqua al proprio mulino è una naturale propensione dell’uomo. Sembra una necessità inconscia e forse ne è bisogno primordiale. Eppure dalla modernità alla contemporaneità quest’acqua non è più cristallina, si è prima intorbidita di capricci, poi sporcata di preconcetti e infine inquinata di superficialità. Non è più un’acqua che mira a sollevare e rinvigorire l’uomo con i suoi nutrienti, le sfide tecnologico-scientifiche-filosofiche-culturali. È diventato un flusso di apparenza, di immagine costruita e privata di “nobili” interessi, di scopi antropologici, di progresso dell’umanità. L’acqua al proprio mulino è oggigiorno usata per fissare e inchiodare al qui e ora la nostra immagine destinata alla frenesia di un mondo che si nutre di istanti di apparenza, per dire di essere oggi, per affermare un’esistenza momentanea, un’esistenza effimera. Solo a immagini, senza fatti sostanziali, appoggiandosi al concatenarsi di occasioncine, realizzando malamente l’apparenza della nostra raffigurazione. Perché la nostra volontà è abulica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.