LUCIANO: La sospensione sulle trasparenze

Noi che abitiamo “La Busa” lo sappiamo. In una piccola comunità si finisce per conoscersi tutti, quantomeno di vista, cosa che ci permette di sederci al bar tra amici e colleghi per immergerci in discorsi spicci, in pettegolezzi da aperitivo o in chiacchiere da cicchetto. Conosciamo i volti, a volte i nomi e sicuramente i

Continua a leggere

Ricordati che se improvvisi ti serve un costume

“Pronto, maschione?” “We.” “Oi.” “Beh?” “Hai chiamato tu.” “Giusto. Che fem?” “Boh.” “M.” “Nessuna idea?” “Nah… Vègnit ki?” “Va bom. ‘rivo.” Il fatto è che quando sapevamo cosa fare filava tutto liscio e regolare. Ci si divertiva molto.  Davvero tanto. Però sono serate, o giornate, che non ricordo. Mi ricordo di aver riso e scherzato,

Continua a leggere
One comment

Heil, Herr Dotore!

Un grande problema è che la gente non ti prende sul serio.  Non vi è mai capitato di esprimervi liberamente, mentre un pubblico di teste vuote annuisce convulsamente alle vostre affermazioni, fingendo interesse e partecipazione, quando in realtà sta pensando a come grattasi il culo che gli prude causa scoreggia 80% aria, 20% liquame? No?

Continua a leggere
nessun commento

L’insostenibile pesantezza dell’ipocrisia dell’umana stirpe

Definiamo il termine “grandi”. Chi sono? Tutti coloro che si credono in dovere di non farti dire la tua, perchè la loro esperienza ti supera di gran lunga e questo fattore di tempo li autorizza a fare quel cazzo che vogliono, in barba alla ragione. I grandi per l’appunto.

One comment

Ce la farò il 30 Febbraio

L’anonimo giorno di un mese perduto in un anno qualsiasi della storia dell’umanità, un cosiddetto medico costringe un innocente feto alla nascita. Dopo nove mesi di resistenza il piccolo infante cede alle pressioni esterne, soffocato da un totalitarismo globale imperante che ne pretende l’avvento, pronto ad assoggettarlo al proprio volere, costringendolo a estenuanti rituali per

Continua a leggere
nessun commento

C’è culo e culo, dannato giornalista

Sarò pure una cattiva persona, però certe volte mi si istiga. Ci sono giornate in cui bisognerebbe stare a letto e non muoversi. Al limite è concesso andare al bagno a pulirsi la mano dallo sperma, perchè masturbarsi con il preservativo è peccato di gola che si deve commettere un’unica volta, per il solo gusto

Continua a leggere
nessun commento

Al limitar del bosco, vomito

    « … »  = Pensieri “…”     = Dialogo     «Dunque… sono qui. Sono qui che scrivo e scrivo perchè non posso parlare. É no; non posso proprio. Non è che non sia in grado di farlo, ma proprio non mi è permesso per via di una scommessa. Una di quelle

Continua a leggere
nessun commento

Orfani – Dubbi sulle nuove generazioni

“È colpa sua mi capisce?” “M.” “Se non fosse stato per il suo comportamento ora io e mia figlia avremmo un rapporto sano e sincero di pura complicità femminile. Ma lui ha dovuto fare di testa sua. Ha dovuto seguire il suo istinto. Ha voluto una puttana più giovane. “ “M.”

nessun commento

Ende

Ogni paese ha il suo personale pazzo. A Deen, isolato paesello nordico situato in una piccola valle posta all’incrocio di quattro catene montuose, sono quasi tutti pazzi. Diciamo che l’essere soli a decine e decine di chilometri da altri centri abitati influisce non poco sul rendimento cerebrale. 

nessun commento